Capita spesso di sentir parlare di marmellata e confettura senza distinzione alcuna tra i due prodotti, spesso anche dagli addetti ai lavori. Succede infatti che i due termini vengano utilizzati come sinonimi anche se la legge è molto chiara nella loro definizione e non sono assolutamente la stessa cosa. Principalmente la differenza riguarda la tipologia di frutta trasformata.

 

Secondo la legge la infatti marmellata è un prodotto preparato a partire da zucchero a agrumi, ad esempio arancia, mandarino, limone, cedro, bergamotto o pompelmo, in cui la percentuale di frutta sia almeno del 20%. Per la sua produzione è possibile utilizzare la polpa, la purea, il succo, estratti acquosi e scorza.

La confettura è un prodotto contenente zucchero e polpa (o purea) di tutti gli altri tipi di frutta. La percentuale di frutta contenuta in questo prodotto non può essere inferiore al 35% e sale al 45% nel caso della “confettura extra“, come tutte le confetture firmate Biosolnatura.

Tra i nostri prodotti è possibile ritrovare anche le composte, altra categoria merceologica: si tratta di una tipologia di prodotto a base di frutta che ha molto in comune con le altre. Sebbene non esista una vera e propria regolamentazione a proposito, solitamente nella composta la frutta supera i due terzi del totale e la quantità di zucchero è sensibilmente inferiore rispetto alle altre preparazioni.

PUOI SCOPRIRE QUI LE MARMELLATE; LE CONFETTURE E LE COMPOSTE CHE ABBIAMO PENSATO PER TE!